Meschio sotto attacco

“Salvate il Meschio da questo abuso” Il capogruppo del Pd vittoriese Dus contro Zaia: “Chieda a noi il permesso per le centraline” VITTORIO VENETO (TV) – Continua l’abuso ai danni del Meschio, che ad oggi conta ben 35 centraline idroelettriche lungo il proprio corso. Ad alzare la voce questa volta è il capogruppo del Pd vittoriese Marco Dus, che ne fa una vera e propria questione politica. Molte delle autorizzazioni a questi impianti vengono infatti date dalla Regione, guidata dal governatore leghista Luca Zaia: “La Regione del Veneto e chi la governa devono rispondere...
read more

Interrogazione Zanoni (Pd) su ennesima centralina sul Meschio

Ennesima centralina sul Meschio a Vittorio Veneto. Ma c’è il conflitto d’interessi Il consigliere regionale del Pd Zanoni presenta un’interrogazione VITTORIO VENETO – “Non è assolutamente normale, né corretto, che il controllato sia anche il controllore. E nel caso dell’impianto idroelettrico da realizzare in località San Giacomo di Veglia a Vittorio Veneto il conflitto di interessi è evidente. Mi auguro che la Regione faccia rispettare le norme in materia di valutazione di impatto ambientale, adottando i dovuti provvedimenti”. Il consigliere del Partito Democratico Andrea...
read more

«Fermate la centrale, è una vera minaccia al Ponte di Bassano»

Dal Corriere delle Alpi del 25 maggio 2017 Il senatore MS5 Cappelletti: clamoroso errore della Regione L’assessore comunale Campagnolo: presentati tre ricorsi «Fermate la centrale, è una vera minaccia al Ponte di Bassano» E l’altro fronte? «Per quanto riguarda invece il restauro del Ponte degli Alpini , la Vardanega ha accumulato ritardi oggettivi sulla tabella di marcia e ci siamo dati 15 giorni di tempo per uscire dallo stallo» spiega l’assessore Roberto Campagnolo. La direzione lavori ieri ha bloccato le prime mosse del cantiere nell’isolotto Pusterla e l’approccio con l’alveo si è concluso con uno...
read more

Manifesto per la Piave, petizione

Per firmare la petizione: https://www.change.org/p/manifesto-per-la-tutela-del-fiume-piave Manifesto per la Piave: Il bacino del Fiume Piave, Sacro alla Patria, è tra i più sfruttati e artificializzati d’Europa. Nell’area montana, appena il 5% degli affluenti è ancora allo stato naturale, il rimanente 95% è già utilizzato a fini idroelettrici. Nel Medio corso, a causa dei prelievi eccessivi e della carenza idrica che ormai da tempo colpisce i nostri territori, il Fiume è regolarmente soggetto a magre/secche sempre più accentuate, oltre che nel periodo estivo (quando la richiesta per l’utilizzo in...
read more

Istituzioni inerti dinanzi alla speculazione dei privati

Da Bellunopress dell’11 maggio 2017 – Centraline idroelettriche e tutela del patrimonio culturale e del paesaggio. Istituzioni inerti dinanzi alla speculazione dei privati  Il fiume Piave e il Ponte della Vittoria Che dei politici locali, che dovrebbero difendere il territorio, allarghino le braccia dinanzi alle richieste di nuovi impianti idroelettrici nei luoghi più suggestivi del Piave, fa riflettere sul destino del nostro territorio. E’ di oggi la dichiarazione di resa incondizionata dell’assessore regionale Gianpaolo Bottacin e del consigliere provinciale Pierluigi Svaluto Ferro...
read more

Centraline sul Piave. Irma Visalli: “La Regione può e deve fare molto di più”

da Bellunopress del 12 maggio 2107 Centraline sul Piave. Irma Visalli: “La Regione può e deve fare molto di più” Irma Visalli In situazioni complesse come quelle delle centrali idroelettriche sul Piave , ognuno deve fare la sua parte, senza partitismo e senza facili “scarica barile” tra enti che provocano solo l’immobilismo. E se nessuno nasconde che lo Stato deve guardare le differenze tra i territori e dire basta agli incentivi per le centrali idroelettriche sulla Piave, il fiume più artificializzato d’Europa, lo è altrettanto che la Regione potrebbe tranquillamente fare il suo. E questo riguarda:...
read more