Bilancio Bim a rischio Enel rivuole 4 milioni tutti in un colpo

Dal Corriere delle Alpi del 4 ottobre 2017 Ieri l’assemblea su conti 2016 e partecipate BELLUNO. Il Consorzio Bim Piave ha riunito ieri i soci per approvare il bilancio consolidato 2016 e la revisione straordinaria delle partecipazioni, oltre ad una variazione di bilancio. Durante la discussione si è parlato anche di idroelettrico e centraline, con il sindaco di Perarolo Svaluto Ferro che ha suggerito al Bim di entrare nel tavolo di lavoro regionale che dovrà elaborare le nuove linee guida per la valutazione ambientale preventiva delle domande di derivazione idrica. Il presidente Soccal ha preso...
read more

Ricorso per il Maè, scontro Comune-Provincia

Dal Corriere delle Alpi del 4 ottobre 2017 Il sindaco De Pellegrin: «Siamo al paradosso, siamo in causa per difendere il territorio» Ricorso per il Maè, scontro Comune-Provincia VAL DI ZOLDO La Provincia dei sindaci contesta il ricorso di un sindaco. E gli chiede anche di pagare le spese processuali. Nel giorno in cui il presidente dell’ente di area vasta Padrin ha convocato gli amministratori per discutere del referendum per l’autonomia, avrebbe dovuto svolgersi l’udienza al Tribunale superiore delle acque pubbliche per la centralina sul Maè. Contesta dall’amministrazione...
read more

Basta centraline: ora il dito punta contro la politica

Dal Gazzettino del 4 ottobre 2017 IL MALUMORE Basta centraline: ora il dito punta contro la politica BELLUNO La protesta sconfina oltre la provincia e fuori dalla Regione. Ma la politica resta muta. La campagna Adesso basta incentivi contro lo sfruttamento idroelettrico dei corsi d’acqua bellunesi conquista cittadini e comitati di tutto il Nord Italia, arrivando a fare presa fino in Valle d’Aosta. Ma dalle stanze dei bottoni non è ancora uscito un solo accenno di vicinanza. «Un silenzio scandaloso, chiaro e assordante – commenta arrabbiato e amareggiato Nico Paulon del Comitato Acqua...
read more

Piave pieno di limo. La rabbia dei pescatori dal Cadore fino a Busche e oltre

Dal Corriere delle Alpi del 2 ottobre 2017 La rabbia dei pescatori dal Cadore fino a Busche e oltre. Dalle paratoie della diga di Valle escono fanghi e detriti Piave pieno di limo: «Sembra asfaltato» BELLUNO«Qui stanno uccidendo un fiume». È il grido di allarme di Endi Mussoi, vicepresidente del Bacino 6 di pesca Longarone e Zoldo. «Il Piave, da Sospirolo a Soverzene, è “asfaltato” di fango. Mi dicono che il Boite, da Valle a Perarolo, non esiste più». Si alza, anzi, diventa veemente la polemica dei pescatori contro il rilascio di acqua e limo dalla diga di Valle di Cadore, per iniziativa...
read more

Bim Gsp nel Tavolo delle Utilities

Dal Corriere delle Alpi del 30 settembre 2017 Con Ascotrade e il Cit-Savno per elaborare piani di innovazione con fondi europei Bim Gsp nel Tavolo delle Utilities BELLUNO Bim Gsp entra a far parte del Tavolo delle Utilities di Marca, nato su iniziativa di Ascotrade, azienda di fornitura energetica di Pieve di Soligo. Insieme alla società bellunese che gestisce il servizio idrico integrato per 62 comuni, c’è anche un altro partner vale a dire Bim Piave Nuove Energie srl, società che si occupa della gestione del riscaldamento e del raffrescamento degli edifici pubblici dei 34 comuni trevigiani...
read more

I pescatori infuriati contro Enel Hydro per l’apertura della diga di Valle

Dal Corriere delle Alpi dell’1 ottobre 2017 Campi: «L’apertura della diga di Valle dopo la fluitazione ha cancellato la fauna ittica del Boite» I pescatori infuriati contro Enel Hydro PERAROLO La riapertura della diga di Valle, dopo i lavori di ripristino effettuati da Enel Hydro nei giorni scorsi, ha generato conseguenze disastrose per la fauna ittica del torrente Boite, cancellata in un colpo solo da una gigantesca ondata composta da fango e detriti. Effetti devastanti quelli prodotti dal cosiddetto fenomeno della fluitazione, pulizia dei sedimenti depositati per decenni sul fondo della...
read more
Pagina 1 di 4912345...102030...Ultima »