Energia, polemica su Trento e Bolzano. Bottacin: «Un regalo inaccettabile» e attacca De Menech

Dal Corriere delle Alpi del 3 Dicembre 2017

Le due Province autonome si prendono le centrali idroelettriche. Zaia: «Spero in una loro maggiore generosità in futuro»
Energia, polemica su Trento e Bolzano

BELLUNO La trattativa fra il Veneto ed il Governo non era ancora scattata, quando il Trentino Alto Adige riceveva da Roma la competenza sulle centrali idroelettriche (una decina, quelle ex Edison) portandosi appresso la conferma di due finanziamenti: 300 milioni di euro in due anni per Bolzano e 386 per Trento. Nelle stesse ore, le due Province autonome s’impegnavano con il Comitato per la gestione dei Fondi di confine del Veneto e della Lombardia a continuare quest’esperienza che comporterà un esborso di 80 milioni l’anno (550 quelli già impegnati dal 2010 in avanti). Quasi una compensazione da parte governativa; così, almeno, è stata letta nel Bellunese, dove, infatti, sono subito esplose le polemiche, come quella del sociologo Diego Cason che apostrofa: «A noi 20 milioni di canoni, a loro 686 milioni più le centrali e i bacini idroelettrici». Contro le polemiche fa da pompiere, guarda caso, lo stesso presidente della Regione Veneto, Luca Zaia.«Ben per loro, questi riconoscimenti. Vorrà dire che Trento e Bolzano saranno più responsabili nelle concessioni d’acqua al Veneto.

Ma significherà anche un maggiore potere contrattuale del Veneto con Roma, a partire proprio dalla titolarità del patrimonio idrico, dentro le competenze che chiediamo per l’ambiente».Ma che cosa di fatto hanno ottenuto Bolzano e Trento? «Le nostre Province diventano ente concedente dell’acqua – hanno spiegato nei giorni scorsi a margine dell’intesa i presidenti Arno Kompatscher e Ugo Rossi. – L’acqua è nostra. Decideremo noi le regole con cui si mettono a gara le concessioni e sulle tariffe. Siamo come un piccolo Stato».

L’accordo ha consentito la modifica dell’articolo 13 dello Statuto di autonomia, con l’inserimento in legge di Bilancio della nuova disciplina che prevede e fissa la competenza delle Province a legiferare per l’assegnazione delle concessioni.Oggi in Veneto siamo fermi alla gestione delle concessioni. C’è anche di più in quell’accordo. I concessionari hanno l’obbligo di cedere alle Province una parte di energia che potrà essere destinata a categorie di utenti o per misure di compensazione ambientale. Quello che in Veneto è il deflusso minimo vitale.Le concessioni in scadenza nella vicina regione prima del 2022 saranno prorogate per consentire la preparazione dei bandi di gara in base alle discipline provinciali. Trento e Bolzano potranno quindi disciplinare la durata delle concessioni, i relativi canoni, i parametri di sviluppo degli impianti nonché le modalità di impatto ambientale, determinando le conseguenti misure di compensazione. Si giocheranno in proprio, pertanto, anche tutta la partita delle centraline idroelettriche.

Oltre ai 686 milioni dell’energia, Trento e Bolzano si porteranno a casa 700 i milioni a compensazione di quote di finanziamento concordate con lo Stato, come previsto dall’accordo di Milano, e relative al periodo precedente alla sua entrata in vigore (tra il 2006 e il 2009). Un motivo in più per la recriminazione di bellunesi e veneti. «Io non recrimino, ma – commenta Zaia – voglio sperare in una maggiore generosità delle due Province nella concessione d’acqua, in caso di emergenza». «Quest’estate, nel periodo della siccità, con l’Adige in secca – racconta l’assessore all’ambiente Gianpaolo Bottacin – mi sono sentito dire da tecnici di Trento che loro dell’acqua facevano ciò che volevano. Immaginarsi ora cosa succederà in futuro».

Ma l’intesa, secondo Zaia, potrebbe ipotecare positivamente la trattativa del Veneto in materia idrica, a cominciare dalla garanzia del deflusso minimo vitale nei fiumi. «Trattativa che a Roma non è incominciata in un ambiente ostile – annota Zaia -. Forse il Pd Rosato non lo sa, in ogni caso con le sue dichiarazioni critiche di ieri a Mestre offende 2,4 milioni di veneti, molti anche del suo partito».Insomma, il capogruppo Pd alla Camera, «poteva risparmiarsi le sue provocazioni». Francesco Dal Mas

Bottacin: «Un regalo inaccettabile» e attacca De Menech

BELLUNO Si moltiplicano le polemiche dopo che il Governo ha concesso alle Province di Trento e Bolzano la competenza in materia energetica, con il trasferimento di una decina di ex centrali e la dotazione di 686 milioni in due anni. A Bolzano si precisa che si tratta “soltanto di una stabilizzazione” di quanto previsto dall’accordo di Milano sullo statuto. Ma Gianpaolo Bottacin, ancora irritato per l’indisponibilità di Trento, in estate, a dare acqua all’Adige in secca, va giù duro con i commenti. «Ancora un inaccettabile regalo a Trento e Bolzano da parte di un governo ormai ai saldi elettorali, consapevole vista di quanto possano essere preziosi i voti “speciali” dei futuri deputati di quell’area». Sotto le unghiate di Bottacin finisce Roger De Menech: «Mentre il luogotenente locale piddino De Menech si fa immortalare sorridente per aver rinegoziato poco più che le briciole per i territori di confine, su una legge che fu voluta da Calderoli e Brancher, il suo governo ha fatto l’ennesimo pesantissimo cadeau ai nostri vicini, conferendo alle province autonome le competenze in materia di energia elettrica. Vergogna».

In occasione del rinnovo della convenzione sui Fondi di confine, a Roma, di cui parla Bottacin, era presente anche il collega di giunta Caner, e in quella occasione c’erano stati i commenti positivi sia di Caner che di Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio. «La Regione sa bene cosa siamo riusciti a portare a casa in questi anni da Trento e da Bolzano: 80 milioni l’anno – commenta De Menech -. Non vedo, quindi, motivi di critica. La Regione, piuttosto, non si accontenti della gestione delle concessioni, ma rivendichi il pieno potere in materia idroelettrica». Bottacin non desiste. «Carriole di soldi ed energia elettrica gratis a loro mentre per il Veneto si avanza a piccoli passi nonostante il nostro popolo abbia votato in massa il referendum e per Belluno non sia stato battuto nemmeno un colpo». Sui social si rincorrono le prese di posizioni. Una per tutte, quella di Diego Cason, sociologo, esponente del Bard. «Ecco da dove nasce la situazione esplosiva della provincia di Belluno.

Dalla concessione continua di privilegi ai nostri vicini autonomi. 300 milioni di euro a Trento e a Bolzano e la competenza totale sulle centrali idroelettriche – evidenzia, protestando, Cason – Tutto questo dopo che i nostri cugini hanno votato la legge di bilancio del Governo Gentiloni. Noi bellunesi ce le prederemmo in gestione anche senza l’aiutino dello Stato. Poi il Pd si strappa i capelli per i referendum dei comuni bellunesi». (fdm)