Comunicato a seguito primo incontro “Dopo le devastazioni, il futuro dei nostri boschi” Pieve di C. 07-12-018

Comunicato a seguito primo incontro “Dopo le devastazioni, il futuro dei nostri boschi” Pieve di C. 07-12-018
  Comunicato 13 dicembre 2018 delle Associazioni riunite in coordinamento- La tavola rotonda sul tema “DOPO LE DEVASTAZIONI, QUALE FUTURO PER I NOSTRI BOSCHI” tenuta venerdì 7 dicembre a Pieve di Cadore dalle Associazioni firmatarie ha offerto vari spunti per la discussione che, da qui in futuro, si andrà sicuramente sviluppando. Possiamo così riassumere le prime valutazioni cui sono giunti i relatori Michele Da Pozzo, Luigi Casanova e Cesare Lasen. – Di fronte a una bufera di carattere eccezionale con venti anche a 200km/h neanche il bosco più “naturale” può resistere, ma è anche vero che le...
read more

Invito a primo incontro “Dopo le devastazioni, il futuro dei nostri boschi” Pieve di C. 07-12-018

Comunicato del 01 dicembre 2018 delle Associazioni riunite in coordinamento- L’ambientalismo del Cadore e dolomitico apre una serie di confronti sul futuro del territorio. Venerdì 7 dicembre a Pieve di Cadore, ore 18.00 presso l’Auditorium Cos.Mo, si terrà il primo appuntamento sul tema “Dopo le devastazioni. Il futuro dei nostri boschi.” Saranno presenti come relatori Luigi Casanova, forestale e vicepresidente di CIPRA Italia, Michele Da Pozzo, direttore del Parco naturale delle Dolomiti d’Ampezzo e Cesare Lasen, geobotanico e membro del Comitato scientifico della Fondazione Dolomiti UNESCO....
read more

Permafrost in riduzione, salgono i crolli rocciosi

Dal Corriere delle Alpi del 29 agosto 2018- L’allarme della Regione nel suo rapporto statistico 2018 e dell’Arpav. Il nivologo Cagnati: «Nel futuro sentieri a rischio» Permafrost in riduzione, salgono i crolli rocciosi I ghiacciai delle Dolomiti in 100 anni si sono ritirati del 49%. Un dato rilevato dall’indagine statistica della Regione Veneto relativamente al 2017. Che il ghiaccio si stia ritirando dalle montagne patrimonio dell’umanità purtroppo non è una novità. «Si tratta di uno degli effetti dei recenti cambiamenti climatici», precisa il nivologo, Anselmo Cagnati che però...
read more

Cipra-alpMedia: Api prosciugate

Alpi prosciugate- https://www.cipra.org/it/notizie/alpi-prosciugate Un’eccezionale moria di pesci è stata una delle conseguenze dell’estate rovente nelle Alpi. Si è appena conclusa una delle estati più calde e asciutte dall’inizio delle rilevazioni. E proprio le Alpi, di solito ricche di acqua, sono state colpite da una prolungata siccità. Quest’estate nel Vorarlberg/A un alpeggio su due ha sofferto a causa della carenza d’acqua. Le autocisterne hanno dovuto trasportare acqua ai pascoli alpini e i contadini colpiti dalla siccità hanno acquistato fieno dall’Algovia/D. Da aprile nella regione le...
read more

Parlamento UE approva norme sul clima

17 aprile 2018 Rispetto dell’accordo di Parigi e lotta alla deforestazione: Parlamento UE approva norme sul clima Un regolamento sulla silvicoltura e uno che impone ai Paesi membri obbiettivi vincolanti per la riduzione del 30% delle emissioni in agricoltura, trasporti, edilizia e rifiuti Roma – Nuovi obiettivi nazionali vincolanti per ridurre del 30% a livello Ue le emissioni di CO2, entro il 2030, nei settori agricoltura, trasporti, edilizia e rifiuti; rispetto degli impegni di riduzione del 40% delle emissioni totali, per tornare ai livelli del 1990; compensare con nuovi alberi le aree boschive...
read more