Feltre, più efficienza energetica contro l’inquinamento

Dal Corriere delle Alpi del 4 novembre 2017

Il Comune di Feltre dà il via ad una serie di misure e iniziative finalizzate a ridurre le pm10 coinvolgendo i privati cittadini e le imprese
Più efficienza energetica contro l’inquinamento

FELTRE Efficientamento energetico degli edifici come precondizione per la mitigazione dell’inquinamento dell’aria, anche attraverso il rinnovo delle vecchie stufe a legna, da incentivare con iniziative di divulgazione tecnico-scientifica, di sensibilizzazione al risparmio energetico, di consapevolezza nella gestione della biomassa nel settore residenziale e delle piccole e medie imprese. La convinzione è che le scelte individuali, se cumulate, portino un beneficio per abbattere i livelli di emergenza di polveri sottili e Benzo (a)pirene. È questa la missione del progetto “Comunità attiva per la green economy e la salubrità dell’ambiente urbano” approvato dalla giunta Perenzin, che avrà durata biennale e inizia il suo percorso già questo mese. Tiene assieme azioni per la riduzione dei consumi e l’efficientamento energetico, che vuol dire indirettamente miglioramento della qualità dell’aria.

Il tutto grazie al finanziamento da 200 mila euro dei Fondi dei Comuni di confine.Il problema dell’inquinamento atmosferico è causato in primis dalle emissioni delle vecchie stufe casalinghe a legna, in un contesto che per conformazione geografica e condizioni meteo presenta scarso rimescolamento atmosferico. E da qui parte la strategia per contrastare l’emergenza, che non interessa solo Feltre ma tutto il Feltrino. Verrà attivato entro tre settimane uno sportello informativo che sarà aperto ai magazzini comunali di via Vignigole due giorni alla settimana per quattro ore al giorno con la presenza di un tecnico per accompagnare le persone nell’individuazione delle possibilità per migliorare le prestazioni energetiche. L’obiettivo è coinvolgere la cittadinanza e gli imprenditori in un piano d’azione sull’utilizzo di incentivi e agevolazioni fiscali attraverso il corretto uso di Ecobonus, conto termico 2. 0, bandi Por e Psr regionali, evidenziando soluzioni tecniche e commerciali innovative di settore con il coinvolgimento del mondo professionale, tecnico ed artigianale specifico.

È prevista anche la pubblicazione di un bando comunale per l’assegnazione di contributi per la rottamazione di stufe tradizionali altamente inquinanti, da sostituire con apparecchiature ad alta efficienza ed elevate prestazioni ambientali. Si lavorerà poi per far incontrare la domanda e l’offerta nel settore della qualificazione energetica sulla piattaforma informatica Energy web Feltre. «Il ruolo dei cittadini non può essere passivo per affrontare in maniera efficace la problematica e siamo convinti che questo sforzo organizzativo possa innescare un percorso virtuoso», dice l’assessore all’ambiente Valter Bonan. «Saranno coinvolti come partner diretti l’Associazione italiana energie agroforestali e l’associazione Ecoaction che fa promozione su efficientamento energetico e sostenibilità aziendale».

Si aggiungono le collaborazioni con l’università Iuav di Venezia, l’Arpav e l’Usl.«Per esempio l’occasione sarà utile per un approfondimento sulla correlazione tra alcune patologie e inquinamento dell’aria». L’ambito di intervento è rivolto al risparmio energetico e alle filiere di energie rinnovabili per lo sviluppo locale. Inoltre, le attività istituzionali finanziate mirano alla raccolta di dati e alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica. La campagna sarà lanciata sui social network, con la diffusione di materiale cartaceo e incontri formativi.

Raffaele Scottini