Currently Browsing: comunicati

Requiem per i torrenti di montagna

Comunicato del Comitato Bellunese Acqua Bene Comune Requiem per i torrenti di montagna Il 22 gennaio 2015 ha avuto luogo a Lozzo di Cadore il sopralluogo per un nuovo impianto idroelettrico sul Rio Rin, committente la società Lumiei Impianti srl di Sauris (UD), la stessa che ha già costruito un impianto sul torrente Piova in territorio di Vigo. Il tratto che si vuole derivare si trova immediatamente a monte dell’attuale impianto “Baldovin” e avrà una lunghezza di quasi tre chilometri. Preleverà una portata massima di 220 litri/secondo lasciando in alveo un DMV da 20 a 28 l/s....
read more

La speculazione delle centraline idroelettriche

comunicato stampa del Comitato Bellunese Acqua Bene Comune Belluno La speculazione delle centraline idroelettriche Alcuni considerazioni preliminari: • la produzione idroelettrica di tutte le centrali italiane soddisfa circa il 12% del fabbisogno di energia elettrica nazionale; • lo sfruttamento di ogni residua portata dei torrenti del bacino della Piave può fornire un contributo dell’ordine del solo 4% della potenza idroelettrica già installata in Regione (infatti i fiumi e torrenti maggiori sono già completamente artificializzati); • estendendo, ad abundantiam, tali dati all’intero...
read more

Talagona l’ultima valle – l’acqua non è solo energia

Talagona, l’ultima valle Quanto può valere la naturalità di una valle dolomitica nella quale l’uomo, che vi ha svolto fin dalla notte dei tempi le attività tradizionali, ha lasciato solo tracce leggere che non ne hanno modificato i delicati equilibri? Una delle poche, forse l’ultima, nella quale non sono presenti insediamenti umani o produttivi, attività inquinanti, cave o centrali idroelettriche, salvo un piccolo impianto di autoproduzione ad uso di un rifugio alpino. Una valle percorsa sul fondo da un torrente e da un’unica strada, in buona parte ancora sterrata, che si arresta ai piedi dei...
read more

Una profezia si sta avverando

Una profezia si sta avverando 15 gen 2010 Giovanni Piccoli, presidente* del BIM Piave, ha recentemente dichiarato alla stampa locale che “Il risveglio dell’economia del margine, come è definita quella di montagna, passa attraverso l’utilizzo delle risorse del territorio in un’ottica di condivisione sociale del bene comune che sia funzionale alla sopravvivenza delle nostre vallate”. Nell’annunciare che entro 5 anni sorgeranno altri 10 impianti idroelettrici, informa che pubblico e privato investiranno nelle fonti naturali, con l’obiettivo che entro il 2020 il 20% di energia provenga da fonti...
read more

Valle d’Aosta, difendere l’acqua dalla “banda delle centraline”

Legambiente Valle d’Aosta, 23 agosto 2014 Ecosistema a rischio” Difendere l’acqua della Valle d’Aosta dalla “Banda delle centraline” Legambiente alla Regione: “Troppe concessioni idroelettriche, ecosistema a rischio” Sull’Alpe Cortlys, in Val Gressoney, si vorrebbe far nascere l’ennesima «centralina» idroelettrica valdostana alessandro mano C’è un pianoro incontaminato ai piedi del Monte Rosa, solcato dal fiume Lys. Non ci si arriva in auto. C’è un alpeggio ristrutturato portando travi e materiali con l’elicottero: è l’Alpe Cortlys. Un progetto privato vorrebbe far nascere l’ennesima centralina...
read more