Anche Feltre dice no allo sfruttamento idroelettrico

Dal Corriere delle Alpi del 29 settembre 2017

Anche Feltre dice no allo sfruttamento idroelettrico

È approdata anche a Feltre la campagna per dire no alle centraline idroelettriche e basta agli incentivi che spingono le aziende a realizzare questi impianti. La mobilitazione in difesa dei corsi d’acqua ha visto svolgersi un incontro nella sala giunta del municipio con la partecipazione di rappresentanti dei comitati locali Sostieni lo Stien, Amici del Caorame e Acqua bene comune, insieme a componenti del Bacino di pesca numero 10 e all’amministrazione comunale che si è opposta a più di un progetto. Gli ultimi due hanno riguardato lo Stien e il Caorame, puntati dalle aziende idroelettriche e difesi dall’ampio fronte del no alle centraline. È stata anche l’occasione per ricordare che gli interventi sui due torrenti sono stati fermati. La valenza ambientale è stata illustrata da Lucio Dorz, apprezzato escursionista e amante della natura che ha proposto filmati sullo Stien e il Caorame. La sua è stata una testimonianza in più per dare voce alla volontà di scongiurare che il territorio venga spremuto per profitto. In Comune i partecipanti all’incontro sono arrivati con bandiere e lo striscione “Stop iper-sfruttamento idroelettrico. Rispetto per la montagna bellunese”. (sco)