Lago di Misurina, lago di Garda e litorale veneziano colpiti da “downburst”

Dal Corriere delle Alpi del 12 agosto 2017

Parla Zardini del centro meteo di Teolo: “Gli eventi sono sempre più ricorrenti. Sono fenomeni molto pericolosi»

VENEZIA Nel 2015 la Riviera, quest’anno nel giro di pochi giorni Cortina, il lago di Garda e giovedì l’intenso fenomeno, chiamato downburst o bomba d’ aria o di vento, che ha investito prima l’Emilia Romagna, poi il Polesine (Albarella, Rosolina e Porto Viro per terminare la sua corsa a Cavallino-Treporti, Jesolo, San Donà, Portogruaro e Bibione). «Sicuramente in questi ultimi anni», spiega Franco Zardini del centro metereologico di Teolo, sono aumentate le zone urbanizzate e i fenomeni come quelli di giovedì fanno sicuramente più rumore e sono maggiormente evidenziati. È ovvio che, se questi fenomeni si abbattessero in piena campagna, l’opinione pubblica s’interesserebbe molto meno a questo tipo di eventi».

Ma, andando sul concreto, è stato più devastante il tornado che due anni fa colpì la Riviera del Brenta o il downburst abbattutosi sul litorale veneziano?«Non ci sono strumenti matermatici per affermarlo. Sicuramente quello di due anni ha interessato una zona molta più circostanziata rispetto a quella di giovedì, che ha colpito, invece, una vasta area di territorio». Cos’è esattamente il downburst? Il downburst è una colonna d’aria in discesa molto rapida che incontra la superficie del suolo più o meno perpendicolarmente e che si espande orizzontalmente in tutte le direzioni. La violenta espansione, paragonabile ad un improvviso scoppio (burst), spesso produce campi di vento ravvicinati fra di loro ad elevata velocità e di opposte direzioni».

Questo fenomeno avviene quindi nei periodi di maggior caldo?«Esattamente quando l’aria fredda, proveniente dal Nord Europa, si scontra con l’aria calda al livello del suolo, sono possibili i fenomenti intensi di questi giorni che hanno interessato, prima il lago di Misurina, poi il lago di Garda e, infine, il litorale veneziano». Cosa di dobbiamo attenderci nei prossimi giorni?«Domani (oggi, ndr) ci sarà una variabilità con qualche annuvolamento alternato a schiarite, più ampie verso il tardo pomeriggio-sera».

Davide Vatrella

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *