Petizione no incentivi al mini-idroelettrico – aggiornamento adesioni

Petizione no incentivi al mini-idroelettrico    con  elenco aggiornato sottoscrittori

Al Ministro dello Sviluppo Economico

Al Ministro della Economia

Al Ministro dell’Ambiente

Al Ministro delle politiche Agricole e Forestali

Le sottofirmate Associazioni

premesso che

  • L’idroelettrico é una delle principali cause di degrado dei corsi d’acqua e rappresenta un aspetto di grande criticità per l’economia montana, essendo antitetico all’economia turistica; esso è un primario detrattore ambientale, e colpisce centinaia di chilometri di corsi d’acqua di grande pregio ambientale e paesaggistico, sottraendo acqua al libero deflusso e al godimento di questo grande bene pubblico e collettivo;

  • Da alcuni anni lo Stato Italiano incentiva fortemente la produzione idroelettrica, in particolare quella minore, sul falso presupposto che l’energia da fonte rinnovabile sia sostenibile, ma il piccolo idroelettrico sotto 1 MW è grandemente invasivo e dannoso per il patrimonio naturale nazionale e per l’economia turistica, generando un danno diffuso e non sostenibile a carico di moltissimi operatori del settore;

  • In termini economici, l’incentivo ai piccoli impianti di produzione sotto 1 MW di potenza, non ha giustificazione, se non l’arricchimento del singolo produttore a spese dei cittadini: senza incentivi questi progetti non sarebbero economicamente sostenibili.

  • in realtà, il peso della produzione del piccolo idroelettrico nel panorama energetico italiano è quanto mai esiguo, rappresentando appena lo 0,16% dei consumi di energia in Italia (GSE, 2014). Altrettanto esiguo il contributo alla diminuzione delle emissioni inquinanti in atmosfera, a fronte di un impegno finanziario che è di un miliardo di euro all’anno.

  • Se il peso produttivo è così basso, non è basso il numero di impianti mini-idro esistenti, che a fine 2015 era di 2.536 per una produzione di 2.556 GWh, mentre i 1.137 impianti più grandi di 1 MW producevano nello stesso anno 42.981 GWh e cioè il 94% del totale idroelettrico;

  • L’incentivo di 21 centesimi di euro a kWh prodotto, prelevato dalle tasche di tutti gli utenti della rete elettrica, rende il piccolo idroelettrico un investimento che in alcuni casi può fruttare l’incredibile tasso del 34%, e ciò fa capire i motivi per cui dal 2009 al 2015 il numero degli impianti mini-idro è raddoppiato, passando da 1.270 a 2.536, e perché nel 2014 erano in attesa di autorizzazione altri 2.000 impianti circa;

  • l territori montani e appenninici, già sfruttati dal grande idroelettrico, che ha trovato, grazie all’acqua invasata nei bacini, giustificazioni anche in campo agricolo, non possono e non devono essere ulteriormente saccheggiati da attività predatorie che non hanno giustificazioni collaterali, se non l’arricchimento di pochi a scapito di molti;

  • È fondamentale un concorso d’azione e assunzione di responsabilità ad ogni livello istituzionale con propria competenza in materia;

chiedono al Governo

1) Che il prossimo Decreto Ministeriale sugli incentivi alle fonti rinnovabili non fotovoltaiche preveda l’abrogazione degli incentivi al piccolo idroelettrico nei corsi d’acqua naturali sotto 1 MW e la forte riduzione sotto i 3 MW, fermo restando il sostegno economico al revamping degli impianti esistenti per aumentarne la capacità produttiva senza incrementare le portate derivate, oltre che a quelli realizzati nelle reti acquedottistiche e fognarie, senza incremento di portata derivata dai corpi idrici naturali.

Secondo alcune stime il revamping potrebbe incrementare la produzione idroelettrica molto di più dell’apporto atteso da tutti i piccoli impianti in progetto.

2) L’eliminazione del concetto di pubblica utilità per gli impianti sotto i 3 MW e il contestuale inserimento dei Comuni nel processo autorizzativo, dando in tal modo pieno valore alle loro previsioni urbanistiche.

14 novembre 2017

Alla data del 28 novembre 2017 hanno sottoscritto la petizione:  (rev 04.12.017)

NAZIONALE

Coordinamento Nazionale Tutela Fiumi – Free Rivers Italia – Lucia Ruffato

CIPRA ITALIA Comm. Intern. per la Protezione delle Alpi – Luigi Casanova

Mountain Wilderness Italia – Franco Tessadri

Forum Italiano Movimenti per l’Acqua – Paolo Carsetti

Spinning Club Italia a.s.d.- Mario Narducci

Federazione Nazionale Pro Natura – Mauro Furlani

CIRF Centro Italiano Riqualificazione Fluviale – Laura Marianna Leone

Federazione Italiana Rafting – Ivan Pontarollo

Italia Nostra Nazionale – Oreste Rutigliano

Forum Nazionale Salviamo il Paesaggio – Cristiana Mancinelli Scotti

UNPeM Nazionale – Fabrizio Stefanini

NORD ITALIA

Comitato Bellunese Acqua Bene Comune – Sisto Zuccolotto

Bacino di pesca 6 “Maè-Piave” – Endi Mussoi

Bacino di pesca 8 “Piave” – Pizzico Luigi

Bacino di pesca 10 “Acque Feltrine” – Mattia Paoluzzi

Bacino di pesca 5 “Agordino” – Enrico D’Isep

Bacino di pesca 4 “Cadore” – Giuseppe Giacobbi

Bacino di pesca 2 “Auronzo” – Andrea Costa

Mountain Wilderness Italia Gruppo veneto – Giancarlo Gazzola

Zoldo c’è e difende i suoi torrenti – Anna Zaccone

Movimento Tutela Arzino – Dario Tosoni

Comitato Rio Carne – Roberto Trutalli

Comitato Assieme per il Tagliamento – Franca Pradetto

Comitato Permanente per la Salvaguardia delle Acque Trentine – Mauro Finotti

Trentino Fly Club – Adriano Gardumi

Comitato per la Salvaguardia e Tutela di Cortlys – Roberta Aluffi

Comitato per la Tutela del fiume Sesia e dei suoi Affluenti – Davide Longoni

Comitato Tutela Fiumi Piemonte – Guido Gubernati

Comitato Tutela Fiumi di Biella – Daniele Gamba

Associazione Salvaguardia Val Mastallone – Paola Bossi

Comitato Centraline Idroelettriche di Vallecamonica – Sandro Leali

A.P.S. Braone – Claudio Prandini

Coordinamento Acqua Pubblica della Provincia di Sondrio – Luca Vitali

Comitato Difesa Acque Amici della Val Grosina – Giovanni Curti

Comitato Salviamo il Menasciutto – Romano Sacchi

Co.Ve.A.Pe.Di. – Consorzio Veneto Associazioni Pescatori Dilettanti – Rolando Lubian

Fanno parte del Comitato Co.Ve.A.Pe.Di: A.s.p.d Bacino Acque Fiume Brenta, Bassano del Grappa  – A.P. Della Marca Trevigiana, Carbonera – A.P. La Fario, Caerano San Marco – A.P. Liberi di Spresiano, Spresiano – A.P. Sile, Treviso –  A.P.S. Medio Piave, Covolo di Pederobba – A.P.S. Prà dei Gai, Mansuè – A.P.S. La Sorgente del Sile, Cavasagra di Vedelago – A.P.S. Amo d’Oro, Selva del Montello – A.P.S. del Meschio, Vittorio Veneto – A.p.s. Alto Astico Leogra, Velo d’Astico – Bacino dell’Agno Chiampo, Recoaro Terme – F.p.s. La Piave, Nervesa della Battaglia – G.p.s. Muson Vecchio, Loreggia – P.A.B.A.T. A.s.p.d., Vicenza – S.P. Valli del Soligo, Pieve di Soligo – S.P.S. La sorgente, Cittadella.

Comitato Peraltrestrade Carnia-Cadore – Giovanna Deppi

Gruppo Regionale CAI FRIULI VENEZIA GIULIA – Silverio Giurgevich

Gruppo Regionale CAI VENETO – Bepi Capelletto

Legambiente Valle D’Aosta – Denis Buttol

Legambiente Veneto – Luigi Lazzaro

Legambiente Piavenire – Fausto Pozzobon

Legambiente Venetorientale “Pascutto Geretto” – Maurizio Billotto 

Legambiente Friuli Venezia Giulia – Sandro Cargnelutti

Legambiente Lombardia – Lorenzo Baio

Legambiente del Vercellese – Gian Piero Godio

Legambiente Val Cavallina Val Calepio – Armando Caldara

WWF Cremona – Bassano Riboni

Italia Nostra Veneto – Letizia Panajotti

Italia Nostra Sezione di Belluno – Giovanna Ceiner

Italia Nostra Sezione di Verona – Marisa Velardita

Italia Nostra Sezione di Vallecamonica – Anna Maria Baschè

Italia Nostra Sezione Trentina – Salvatore Ferrari

Italia Nostra VCO – Pietro Vallenzasca 

Salviamo il Paesaggio Mogliano Veneto – Paolo Favaro

Salviamo il Paesaggio Asolano & Castellana – Morena Bragagnolo

Salviamo il Paesaggio Val D’Ossola – Filippo Pirazzi e Sonia Vella

Salviamo il Paesaggio Torino – Maria Cariota

Pro Natura del Vercellese – Gian Piero Godio

Pro Natura Piemonte – Elio Dalmastro

Ivan Team s.a.s. – Ivan Pontarollo

Valbrenta Team asd – Scremin Giovanni

U.P.B.S. Unione Pescatori Bresciani – Fabrizio Oliva

Comitato per il Territorio delle Quattro Province – Giuseppe Raggi

Comitato Savonese Acqua Bene Comune – Roberto Melone

CAI Tam Valcamonica Sebino – Sandro Gianni

SVPS Società Valsesiana Pescatori Sportivi – Savino Re

AATAI – Ass. Tutela Ambienti Acquatici e Ittofauna – Marco Baltieri

ASD Trezzo Kayak Canoa Club Capriate – Gianluca Perondi

Sesia Rafting – Monica Bernasconi

Rafting Val di Sole – Alessandro Fantelli

ASD Anatre i Fiume Aosta – Filippo Ballarin

Kayak Explorer KE Rafting A.S.D. – Michele Gramaglia

Rafting Rockonda – Daniele Corsi

Rafting Republic – Elia China – Davide Romeo

Grand Paradis Emotions Soc. Coop. “Grape S.c.” – Davide Romeo

Kayak Team Turigo – Anselmo Braga

Canoa Club Vigevano – Livio Bernasconi

Venice Canoe & Dragon Boat – Maria Balanos

KE Rafting Valle Stura di Demonte CN – Miki Gramaglia

Canoa Club Rimini – Oliviero

Orcokayak Centro Canoa di Chivasso TO – Francesca Mezzetti Cavallero

Circolo Eridano TO – Silvano Catufa

ASD Canoa Club Bologna – Michele Ramazza

Shock Wave Sports – Enrico Saperdi

Asd Canoa Republic – Sandra Truccolo

La Darsena Bardolino a.s.d. – Stefano Zoccatelli e Matteo Bergamini

Eddyline ASD – Federico Maggiani

Sektion Kanu-Kayak-SUP SSV Bozen – Norbert Zenleser

Tenkara Club Beghem – Maurizio Capolaro

Canoa Club Padova, Limena – Luigino Alducci

Ivrea Canoa Club a.s.d. – Leonardo Curzio

Centro Canoa e Rafting Monrosa – Piero Arcostanzo

Kayak Team Turigo – Anselmo Braga

Comitato Salvaguardia e Valorizzazione Torrente San Bernardino (VB) – Marcella Zorzi

Società Canottieri Treporti Venezia – Paolo Pellegrini

Canottieri Ticino Pavia – Marco Vescovi

Canoa Kayak Ledro – Bruno Zucchelli

Federcanoa P.A. di Trento – Bruno Zucchelli

Canoa Kayak Club di Cassano – Gianpiero Doria

ARCI Pesca Fisa Comitato Provinciale Federrafting Ancona – Roberto Sabbatini

Associazione Pescatori Dilettanti Trentini – Marco Faes

Canoa Club Oriago (VE) – Paolo Zanardi

A.S.D. Bacino Agno-Chiampo – Stefano Peretti

Canoa Club Trento – Barbara Bottura

UNPeM Coordinamento Provinciale Piacenza – Giuseppe Rossi

Movimento Stop al Consumo di Territorio Astigiano – Alessandro Mortarino

Ecoistituto del Veneto Alex Langer – Michele Boato

Associazione Naturalistica Sandonatese – Michele Zanetti

Casa dei Circoli, Culture e Popoli Ceriale (SV) – Luigi Gatti

Fiab Belluno – Bortolo Calligaro

VeneziAmbiente – Paolo Stevanato

Amico Albero – Luca Manprin

Movimento dei Consumatori Veneto – Giulio Labbro Francia

CeVI – Centro di Volontariato Internazionale – Marco Iob

Circolo Arci Laboratori di Boleto – Ezio Barbetta

UNPeM Coordinamento Regionale Veneto – Marchiori Francesco

Consorzio Ambienti Fluviali Verona – Marchiori Francesco

Silver Salmon Club Verona – Boris Maffezzoli

APS La Fario ZPS Toscolano Maderno (BS) – Diego Almici

ARCI Teramo – Marica Spezia

UNPeM Coordinamento Regionale Lombardia – Fabrizio Oliva

Club pesca a mosca Brescia – Fabrizio Oliva

UNPeM Coordinamento Regionale Emilia Romagna – Lodovico Fava

ITALIA CENTRALE

UNPeM Coordinamento Regionale Marche – Luca Massi

Associazione Terraviva Lazio – Marco Giarè

Comitato Acqua Bene Comune Valle dell’Aniene – Antonella Mattei

Associazione Pescatori Dilettanti Val Tenna di Fermo, Marche – Mauro Zavaldi

Forum SiP delle Marche – Riccardo Picciafuoco

Aguaraja Bagni di Lucca – Stefano Carpita 

Firenze Rafting Toscana – Zeno Naspri

A.S.D Romacquavventura – Paolo Cruciani

ARCI Pesca Fisa Comitato Provinciale Federrafting Ancona – Roberto Sabbatini

MEZZOGIORNO

Acqua Bene Comune, Cava dei Tirreni, Salerno – Patrizia Reso

Comitato di San Giorgio a Cremano, Napoli – Francesco Saverio Russo

Associazione Città Plurale Matera – Marino Prizzio

Cittadini per l’Etica nella Politica – Stefano Volante

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *